Notizie

Andy e le Volpi Scapigliate: 6 anni dopo

Ci sono alcuni tra noi Volpi Scapigliate che avevano frequentato Andy Rocchelli ragazzo, tra il Sottovento e Piazza Duomo, per poi perderlo di vista come a volte capita, quando si cresce. Ce lo ricordavamo spensierato, sorridente, casinista. E poi abbiamo scoperto la stupefacente profondità del suo lavoro di uomo adulto soltanto dopo quel maledetto giorno, 6 anni fa oggi.

E’ stato un percorso di sofferenza, ma è stato anche un viaggio di riscoperta. Eravamo partiti con l’intento di cercare verità e giustizia per un amico, ci siamo ritrovati a prendere appunti e a imparare lezioni di giornalismo, di professionalità e di vita da una figura che ci ha lasciato tanto, molto di più di quello che credevamo di poterci aspettare.

Da Andrea abbiamo imparato che valori come i diritti umani o le libertà fondamentali non sono ideali astratti, ma diventano obiettivi concreti nel momento in cui si saldano insieme con le storie e con i loro protagonisti. I bambini di Sloviansk. Andrea ci ha ricordato che per raccontare quelle storie, ma anche per costruire le nostre storie, non esistono scorciatoie: lavoro duro, compromessi zero e un prezzo a volte altissimo da pagare. Ci ha fatto sentire uniti più che mai, Andrea, attorno a un universo di racconti, di speranza e di fiducia nella possibilità di fare il nostro pezzettino per plasmare una società migliore.

Un anno fa in questi giorni completavamo il progetto “Da barriere a ponti”, una iniziativa che in questo anniversario diventa una volta di più simbolo di chi è stato Andy Rocchelli e di chi vogliamo essere noi Volpi Scapigliate. Una banda di liceali, quei millennials che va di moda immaginare isolati dietro ai loro smartphones, ha dedicato mesi a studiare l’opera di Andy e a tradurla in pensieri ed immagini, per poi riempire la città di colori. Colori sul cemento, e storie di guerra e di pace, di libertà, di informazione, di diritti violati. Anche quello è stato un cammino importante, per loro e per noi.

Oggi, un anno dopo, siamo ancora qui. Non è semplice organizzare iniziative al tempo del coronavirus, ma ne arriveranno di nuove, prestissimo. Noi ci siamo, con Andy e per Andy. In attesa del processo di appello. Per condividere con la nostra città tutto quello che ancora oggi stiamo imparando da lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.